La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Forum dedicato all'autocostruzione di canne per la pesca a spinning in mare ed acque interne
Avatar utente
RinoG
Messaggi: 149
Iscritto il: lun set 22, 2008 9:04 am
Località: Torre del Greco

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da RinoG » mar gen 13, 2009 4:04 pm

io andrei per questa:

RCLB70L 7' 0" 1 15-30lb. 0.830 7.0 X-Fast L 5.89 oz.

ho visto molto velocemente per il resto ma non ho trovato i reel seat pacbay.
Ricordavo di aver visto EVA (o grip di altro materiale) colorata ma ora non la trovo più.
Devo vedere con calma il resto (anelli)
Stasera mi metto con calma.
Ciao

P.S. Peppe ma mi sono "flashato" o non ci sono mai stati i grip colorati da fs4u?

Avatar utente
Luigi Planetspin
Site Admin
Messaggi: 10105
Iscritto il: ven feb 15, 2008 7:59 pm
Contatta:

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da Luigi Planetspin » mar gen 13, 2009 6:12 pm

bhe ... facciamo una ratealizzazione ??? : Chessygrin : : Chessygrin : : Chessygrin :

Avatar utente
RinoG
Messaggi: 149
Iscritto il: lun set 22, 2008 9:04 am
Località: Torre del Greco

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da RinoG » gio giu 25, 2009 2:27 pm

Ne è passata acqua sotto i ponti …… ma ci sono ancora!

Riprendo questo thread che aprii agli inizi di quest’anno per dirvi il finale della storia, almeno per me.
Dopo numerose valutazioni sia tecniche che economiche decisi di provare a costruire la canna da light jigging utilizzando il grezzo di MudHole della serie da Vertical Jigging, il CBVJ6030 già citato.
Come componentistica ho scelto tutto Fuji, dagli anelli al tappo copricociera.

Il materiale alla fine è stato il seguente:
Grezzo CBVJ6030, un 30 lb capace di gestire artificiali fino a 4 oncie, di lunghezza 6’
Anelli Fuji della serie NOG (doppio ponte con pietra in ossido di alluminio) delle misure 30-25-20-16-12-10
Apicale Fuji Alconite CMNAT-10
Placca porta mulinello Fuji DPSM-18-S
Crociera (Gimbal) Fuji 22 S
Manico in EVA (13” rear + 6” fore)
Winding check di gomma
Anellini ferma esca cromato

Dopo aver montato il manico la cosa più delicata da fare era scegliere la distanza tra gli anelli.
Per fare questo sono partito da una scalatura Fuji concept per poi provarla montando in maniera provvisoria gli anelli e sottoponendo a trazione la canna con un peso.
Lo scopo delle prove era osservare se la curvatura della canna era uniforme ed inoltre verificare lo sforzo sui primi anelli. Quest’ultimo aspetto lo valutavo osservando l’angolo che si formava tra l’anello stesso ed il trecciato. In funzione del risultato essenzialmente spostavo più avanti o indietro i primi due anelli.

L'ultima foto che ho con la canna in trazione (bottiglia di acqua di 2 lt) è questa:

Immagine
Immagine

Rispetto a questa foto ho spostato di qualche cm verso il tip i primi due anelli per cercare di aumentare ancora di più l'angolo trecciato-anello (cioè portarlo il più prossimo possibile a 90°).
Credo di aver trovato un buon compromesso anche perchè il primo anello ora si trova ad 1 metro dal butt e nei rimanenti 83 cm si sviluppa tutta l'anellatura. Il primo anello ora si trova a 57 cm dal piede del mulinello.

Ho fatto le sottolegature e rifissato gli anelli con il nastro gommato.
Immagine

Successivamente ho legato gli anelli effettuando una doppia legatura solo al primo anello, che è il più sollecitato.
La sottolegatura è fatta con filo metallico Gudebrod A, la prima legatura con filo nero sempre A e poi la legatura normale con filo blu D.
Alcune foto delle legature

Immagine
Immagine
Immagine

Alla canna ho accoppiato un mulinello Shimano Technium 5000, imbobinato con Power Pro 30 lb.
Il risultato è il seguente

Immagine
Immagine
Immagine

Ho avuto modo di provare il risultato di questi mesi di progettazione e pensate strane un paio di settimane fa.
La canna è molto bella (non esteticamente, sarebbe facile autogiudicarmi): leggera una bella azione stile jappo moderata, facile da usare. Inizialmente ero un po’ spaventato dalla lunghezza avendo letto su altri lidi di canne più corte anche di 5’ ma alla fine si manovra benissimo. Il manico ovviamente tarato sulle mie dimensioni è perfetto anche per una azione “under-arm” (il bello del rod building).
Ho anche avuto la fortuna di sverginarla alla prima uscita con dei serra, presi utilizzando un searock da 90g in VJ puro ed azione short jerk lento (Inizio ad usare termini strani, non mi bastavano quelli dello spinning).

Ho anche un filmato dell’accaduto, era notte si vede poco circa l’azione della canna ma spero che si capisca qualcosa.
Immagine

Guardate i serra come hanno ridotto l’assist!!! Terribili!!
Immagine

Vi saluto tutti con affetto e ringrazio Peppe della Monica per i tanti consigli che mi ha dato. E’ venuto proprio un bel giocattolino.

Ciao,
Rino

Avatar utente
Luigi Planetspin
Site Admin
Messaggi: 10105
Iscritto il: ven feb 15, 2008 7:59 pm
Contatta:

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da Luigi Planetspin » gio giu 25, 2009 5:20 pm

bentornato Rino... ecco perchè non ti sei fatto sentire :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:

Avatar utente
RinoG
Messaggi: 149
Iscritto il: lun set 22, 2008 9:04 am
Località: Torre del Greco

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da RinoG » gio giu 25, 2009 5:22 pm

luigi ha scritto:bentornato Rino... ecco perchè non ti sei fatto sentire :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen:
eh si, mi sono chiuso nel mio laboratorio per 6 mesi per partorire il giocattolino :mrgreen: :mrgreen:

Avatar utente
SpiritoLibero
Messaggi: 3037
Iscritto il: lun set 17, 2007 2:50 pm
Località: Bari - Puglia

Re: La canna da Light Jigging: proviamo a definirla

Messaggio da SpiritoLibero » gio giu 25, 2009 11:55 pm

Bella soddisfazione : Thumbup : : Thumbup :
Piervito

Rispondi

Torna a “Autocostruzione Canne”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite