Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Megabass X-140 SW, il test

Il Megabass X-140 SW è un artificiale di concezione giapponese, ideato per le suzuki (qualcosa di molto simile alle nostre spigole),

che nelle nostre acque sta riscontrando successo, oltre che per le sue doti particolari e le sue caratteristiche costruttive, anche per le numerose catture di pesci serra e barracuda.

CARATTERISTICHE
L'X-140 SW è un artificiale di 14 cm per un peso di 19.5 gr.
 
Sonda uno strato d'acqua che va dai 30 ai 60 cm di profondità, permettendo così, l'utilizzo anche in acque basse per la ricerca della spigola.
 
Grazie allo spostamento dei pesi interni, che sono costituiti da sferette in tungsteno, raggiunge lunghe e precise gittate senza far perdere l'assetto all'esca sia in fase di volo, che in quella del recupero. Il tutto amplificato da una forma snella e sottile del corpo, realizzato in materiale plastico rigido.

Viene prodotto anche in una versione più piccola che misura 12 cm per 10.5 gr. molto simile per caratteristiche di nuoto e lanciabilità al fratello maggiore.

IN PESCA
Regge bene la presenza di corrente e grazie al suo nuoto frenetico si sente in canna anche in condizioni di mare formato. Non adatto a situazioni estreme, ma riesce comunque a coprire tante situazioni di pesca, dalla pesca in foce, alla scogliera, passando per i porti alla pesca dalla barca.
 
 
E' un esca tecnica, ideale per chi effettua continue correzioni (jerkate) delle fasi del recupero perchè esalta in maniera esponenziale la sua somiglianza realistica al pesce foraggio che va ad imitare, simulando egregiamente un pescetto ferito.

Con un recupero lineare, possiamo ben notare il suo nuoto delicato e naturale, realizzato dalla casa giapponese MEGABASS in seguito a numerosi test e studi approfonditi.
 
Il rolling eccentuato è la caratteristica principale di questa esca che da il meglio di se con recuperi vivaci, a media ed alta velocità, infatti con il recupero lento non si esaltano le sue performance, apparendo leggermente statico, frutto della piccola paletta di testa.
 
 
COLORAZIONI
Le colorazioni che offre la casa nipponica, specifica per la serie SW dell' X-140 e 120(saltwater - mare) sono davvero tante e con uno studio maniacale dei particolari che, oltre per catturare il predatore, sembra fatto apposta per "coinvolgere" soprattutto il pescatore.

I colori più accesi sono un top per i serra e i barracuda, soprattutto quelli con il viola ed il rosa, ottimi anche in notturna o in presenza di acqua torbida.

Per la regina si continua a preferire le colorazioni più naturali e il classico, immancabile testarossa, che in condizioni di acqua torbida può fare davvero la differenza.

In conclusione il rapporto qualità prezzo è buono, come del resto tutti i prodotti della casa MEGABASS, si fanno pagare ma valgono, restando per le altre ditte concorrenti un modello da emulare con molta difficoltà.
 
Ora non vi resta che provarlo, un saluto a tutti gli amici di PLANETSPIN!
Rate this item
(0 votes)
Last modified on Martedì, 05 Gennaio 2021 13:36

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter

Post Gallery

Pesca a mosca in mare sulle mangianze

Smith Haluca 125F, conosciamo questa esca artificiale

MAPPA punti varo e pesca per il KAYAK FISHING in CAMPANIA

Black Flagg, la forza della semplicità

Dalla DUO arriva il Realis Microdon

WTD della Reaction Strike, TW 70/90/110

Giancarlo, l'artista pescatore

BLASTER SHAD FIIISH, conosciamo questa esca

Megabass X-140 SW, il test