Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

DUO Beach Walker 120MD, il TEST

La casa giapponese DUO arricchisce la sua collezione con un nuovo artificiale. Si tratta del Beach Walker 120MD un'esca molto innovativa che in pesca si rivela preziosa in diverse condizioni.

LE CARATTERISTICHE
Il Beach Walker MD (dove MD sta per medium diver, ovvero profondità di affondamento medio) è un minnow di ricerca, realizzato dalla casa nipponica, per la pesca in mare dalla costa. Ideato e studiato per entrare subito in pesca, grazie al suo peso,

è realizzato in modo da sostenere anche le condizioni di corrente sostenuta e le forti turbolenze provocate dalle mareggiate.


SCHEDA TECNICA
tipologia: jerkbait
lunghezza: 120mm
peso: 20 gr
profondità di nuoto: 50-100 cm
ancorette: spmh n 6
tipo di affondamento: Sinking (dai test effettuati l'affondamento risulta molto lento)
azione: Wobbling e rolling



Al suo interno, vi è un canale dove scorrono due sfere metalliche di tungsteno del diametro di 6.5mm, che controbilanciano l'esca sia nella fase di lancio (pesi in coda) che in quella di recupero (pesi al centro dell'esca), favorendo la distanza di lancio e il bilanciamento in fase di nuoto e al recupero. Inoltre, vi sono anche dei pesi fissi (3 sfere del diametro di 5.0 mm) che si trovano nella parte bassa e centrale del corpo.

La forma affusolata e le caratteristiche di paletta e coda, sono state disegnate in modo da opporre una bassa resistenza aerodinamica in fase di lancio, allo stesso modo, consentendo alla bavetta di testa di riuscire a contrastare le correnti ed entrare in pesca in modo corretto, pur opponendo una piccola resistenza all'acqua.

AL LANCIO
Grazie alla forma aerodinamica della paletta questo artificiale riesce a raggiungere ottime distanze di lancio anche con vento sfavorevole.

Il lancio risulta preciso e linerare.

Testato con canne differenti si ha una maggiore resa con un lancio secco a frustata e con canne fast.

AL RECUPERO
Quest'esca rimane in pesca con qualsiasi tipo di recupero, sia con quello lento che con uno veloce. L'animazione dell'artificiale rimane sempre ottimale, senza perdere l'assetto e rimanendo sempre adescante.


Recuperandolo con delle jerkate crea delle sbandate molto ordinate anche se non molto ampie, in conclusione è difficile scegliere un recupero adatto a quest'artificiale, posso affermare che può essere usato in tutte le situazioni con i recuperi più disparati, permettendo un'ottima personalizzazione da parte dell'angler.
Data la sua affondabilità non è adatto a piane rocciose con acqua bassa ma da il meglio di se in situazioni di forte corrente con fondali dal metro in su.

Se recuperato lentamente si riesce a sfruttare meglio l'azione sinking,

nfatti, anche se lentamente, continua ad affondare, cosa che non succede se si effettua un recupero più veloce. In questo ultimo caso l'esca rimane sullo strato d'acqua in cui sta lavorando, questo lo rende un ottimo artificiale da ricerca in grado di sondare i vari strati d'acqua.



PREDE
Il Beach Walker sembra un artificiale studiato appositamente per la spigola, da far lavorare nei giri di corrente, dove altri non possono reggere le turbolenze.
Questo non vuol dire che non sia adatto ad altri predatori delle nostre coste, provate a recuperarlo con freguenti jerkate e sono sicuro che non mancheranno attacchi da serra, barracuda e tutti i classici predatori marini.

FORMA E COLORAZIONI
Grazie alla paletta abbastanza grande (anche se con un inclinazione poco pronunciata) riesce a reggere molto bene la corrente permettendoci di lavorare l'esca anche quando ormai è sotto i nostri piedi senza perdere l'assetto giusto.
Le colorazioni sono varie e ben fatte, con delle rifiniture minimali, ma molto intriganti, inoltre rimangono abbastanza resistenti alle scalfiture delle ancorette.
Questo artificiale ha la predisposizione per montare 3 ancorette, ma data la vicinanza le due di coda, è consigliato di montarne all'occorrenza solo 2 (testa + coda), onde evitare fastidiosi agganci tra di loro, che possono capitare.

CONCLUSIONI
In conclusione il Beach Walker rimane un buon artificiale che risulta essere comodo in situazioni di mare molto mosso,

sicuramente un artificiale che non deluderà,

in definitiva un'esca molto ben fatta in puro "DUO STYLE!".

Altre info sul BEACH WALKER 120 MD le trovi sulla pagina ufficiale DUO

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Martedì, 13 Ottobre 2020 13:37

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter

Post Gallery

Come riconoscere un buon posto di pesca a spinning in mare

Ighli Vannucchi, il calcio e la pesca sono le mie passioni

Markos Vidalis: la pesca a spinning in Grecia

Stefano Corsi, il GURU si racconta su PLANETSPIN

Le esche per lo spinning in mare

La pesca è una passione, la spigola la mia sola ragione: Lorenzo Cirri

UZI 90: un'esca polivalente, dalla spigola al serra... e non solo

Yuri, per me la pesca è rispetto per la natura e amicizia

Campionato Italiano Kayak Fishing Mare 2020