Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Pesca a Spinning alla Spigola, di notte: REPORT

Una nottata a pesca ha tante origini. Perché andiamo a spinning? Ci sono tanti motivi, chi pesca per passare il tempo,

chi per amore del mare, chi per stare in compagnia, chi per divertirsi e chi per ritrovare se stesso.

Quest' ultimo è stato il mio motivo quella notte. Dopo qualche giorno negativo, avevo trovato il tempo per me stesso, la giornata, ottima coincidenza, si presentava buona. Scirocco e bassa pressione, le prime spigole, mia croce e delizia, avrebbero  iniziato ad accostare.

regina-spigola

La scelta dello spot, la foce di un canale, è stata facile, la costanza in questo aiuta. La luna crescente iniziava a riflettersi sul mare calmo, agitato dalla corrente, l’umidità attirava le zanzare, gocce di sudore bagnavano la mia fronte.
Preparata la mia attrezzatura, decido di lavorare coi siliconi, deps deathadder stick da 4.5” giallo fluo,  innescato a texas su amo piombato da 2 grammi. Pesca ultralight, andavo di precisione. Ogni lancio ben mirato, la canna un fioretto, il silenzio sopra ogni cosa, la caccia alla labrax è scienza, arte, solo in parte fortuna.
Inizio a lanciare, l’esca piano entra in acqua, pochi rumori, la zona obbiettivo è il limitare della corrente, li dove l’acqua dolce inizia a mischiarsi con quella salata del mare, creando il torbido che tanto è utile alla regina per i suoi letali e fulminei agguati. Muovevo il vermone su e giu, alternando jerkate a lunghi stop, fondamentali per ricreare l’effetto “vivo” che speravo ingannasse la mia preda. Vado avanti per alcuni minuti, quando sento in canna la botta inconfondibile.

L’attacco sull’artificiale fermo in corrente, è fulmineo, la ferrata è decisa, d’istinto, la canna si piega. La freddezza non esiste in questi casi. La razionalità arriva sempre con qualche secondo dopo, è la natura umana, la parte di cacciatore che è in noi a guidarci in questi momenti, a gestire l’attimo in cui ferrare la preda! Inizio subito il recupero, sento in canna le prime violente testate, ma il combattimento non è molto arduo, l’attacco è avvenuto, come spesso accade vicino alla riva, non molti secondi dopo, la vedo nuotare davanti a me, è un attimo, il boga grip è di fianco a me, apro le sue tenaglie che poco dopo si chiudono sulla voragine che è la bocca del predatore, l’ultima triste visione di tante prede.
E’ uno spettacolo affascinante, la sua livrea grigia da lupo, brilla ai riflessi della luna, la guardo emozionato.

Decido per una pausa, guardo il mare, bevo dalla bottiglia, ho bisogno di rinfrescarmi, un po’ di quiete farà bene allo spot, la confusione, nella ricerca della regina non aiuta per nulla. Non so per quanto tempo sono rimasto li, a godere della brezza marina, senza niente a cui pensare, guardando le increspature che la piccola luna faceva brillare argentate.
Poi ad un certo momento decido di rialzarmi, riprendo la mia st.croix e ricomincio coi lanci. Le condizioni non sono cambiate, riprovo con la stessa combinazione precedente, dimostratasi micidiale in corrente. Il tempo passa lentamente, sento l’artificiale posarsi sul fondo, lo immagino mentre alza nuvolette di sabbia, mi servono per attirare il predatore.
Al quinto lancio sento la botta! Ancora un emozione, inizia il combattimento, la spigola, questa volta più grande rispetto alla prima, cerca di resistere più duramente, mette in atto tutte le sue strategie, dure testate per liberarsi dall’amo per lei terrificante, che la allontana dalla sua natura, dal suo territorio di caccia, dove regina, regna incontrastata. Anche questa volta non dura molto, poco dopo riesco a salparla, il tempo di una foto, e decido di restituirla alla sua casa, la slamo con delicatezza, il suo occhio mi fissa, spaventato e implorante.

Pochi secondi dopo la rilascio, guardando la sua potente coda dimenarsi per allontanarsi da riva, elegante come pochi esseri al mondo. In questi casi ciò che davvero colpisce è la dignità della nostra regina, che si allontana sprezzante, pur spaventata, puntando decisa nella direzione opposta alla mia. Sono attimi, ma penso a tante cose, penso al miracolo della vita, a ciò che questi splendidi pesci hanno da insegnarci e alle emozioni che riescono a donarci, ogni volta uguali e diverse, splendide nel loro breve durare.

Vedo all’orizzonte il primo rossore dell’alba illuminare il cielo, sorrido e decido che per stavolta va bene così. Guardo il mare, sussurro un grazie, quasi mi sento un bambino.
Tolgo l’artificiale, volto le spalle al mare e torno alla mia vita, come poco prima ha fatto la spigola, ripromettendomi fermamente che tornerò presto a nutrirmi delle speranze e delle emozioni, che lo spinning sa elargire.
Rate this item
(0 votes)
Last modified on Giovedì, 14 Maggio 2020 16:53

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter