Settembre 25, 2022

ITINERARIO PESCA MOLISE PUGLIA – Il lago artificiale di Occhito (FG)

Il lago di Occhito è un grande invaso artificiale, creato con uno sbarramento sul Fortore. Segna il confine tra la Puglia e il Molise per circa 10 km.
Esso ha una lunghezza di circa 12 km e appartiene per metà alla provincia di Campobasso e per la restante parte alla provincia di Foggia. Rappresenta il secondo invaso artificiale più grande d’Europa per capienza.

I comuni che si affacciano sul lago sono Sant’Elia a Pianisi, Macchia Valfortore, Pietracatella, Gambatesa e Tufara per la provincia di Campobasso; Carlantino, Celenza Valfortore e San Marco la Catola per la provincia di Foggia.

Alla sua creazione viene attribuito l’innalzamento del tasso di umidità nelle zone circostanti. La sua capacità di contenimento è di 210 milioni di m³ di acqua. Lo sbarramento è raggiungibile da Carlantino in Puglia e da Colletorto in Molise.

Come arrivarci : da Foggia per Campobasso circa 70 km, da Campobasso per Foggia circa 30 km, lo troverete percorrendo la statale.

Descrizione del luogo : Ottenuto con lo sbarramento del fiume fortore all’altezza del paese di Carlantino. l’invaso divide il confine con puglia e Molise. Le sue sponde sono facilmente accessibili da entrambi i lati.

Pesci presenti : carpe e persici di grossa taglia, alborelle, anguille.

Occhito è famosa anche per la pesca al persico trota che i pescatori locali, ma non solo, insidiano con gli artificiali. Spesso, infatti, si vedono pescatori che, a piedi, percorrono buona parte della diga lanciando senza sosta i loro minnow o cucchiaini e, spesso, li ho visti tornare con boccaloni di tutto rispetto ma anche con bellissimi esemplari di cavedani e trote.

In definitiva, la diga di Occhito si presta ad una moltitudine di tecniche di pesca, tutte molto redditizie, in base alla stagione ed al livello dell’acqua ed in grado di soddisfare tutti coloro che decideranno di immergervi le loro lenze.

Permessi : Licenza di pesca tipo B.

CREDIT SPINNING ON LINE