Maggio 26, 2022

Come riconoscere un buon posto di pesca a spinning in mare

Perchè chiedere sempre aiuto quando si può trovare da soli un ottimo spot per fare spinning in mare?


Qui in seguito troverete alcuni miei piccoli consigli ( tutti opinabili, che sia ben chiaro ) per identificare un classico HOT SPOT e rischiare una bella cattura… esplorando e creandoselo da soli, c’è più gusto.

Una ricerca accurata necessita di tempo da dedicare soprattutto all’osservazione dello spot prima che alla pesca vera e propria

durante vari orari nel’ arco della giornata , facendo particolare attenzione ai momenti che solitamente risultano essere i più pescosi , ovvero un` ora prima e dopo l`alba e il tramonto.
Purtroppo non tutti possono permettersi di stare ad esplorare ed osservare, resistendo così alla tentazione di pescare… molti, soprattutto a causa della mancanza di tempo , sono costretti a provare nei posti più collaudati per cercare di non incombere in una probabilissima ed inevitabile serie di cappotti.

Questa “perdita di tempo” , pero`, verrà sicuramente in nostro favore, soprattutto durante il periodo estivo o quando i vari spot sono presi d`assalto da numerosi “pescatori” , (se possiamo definirli tali ) o bagnanti, e a questo punto il nostro spot “segreto” , sarà la meta dove potremmo avere più chance di farci , perlomeno , una battuta di pesca in tutta tranquillita`…

Solitamente la foce di un fiume è uno spot che offre molte probabilità che ci sia il predatore in circolazione, infatti , le acque dei fiumi , portando cibo ed altri elementi nutritivi, fanno in modo di attirare la minutaglia e i pesci-foraggio , che sono la base di partenza della catena alimentare , al cui vertice, trovano posto i nostri amici pinnuti, che tanto ci fanno dannare.
Lo spinning in foce solitamente richiede l` utilizzo dei waders, ovvero un tipo di stivali con una imbracatura fino alle spalle, perchè, sia per guadagnare qualche metro sul lancio , che per gestire al meglio gli artificiali , si è costretti a scendere in acqua per qualche decina di metr. dove possibile.

I waders risultano essenziali anche pescando dalla spiaggia, in presenza di mare mosso o molto mosso, ci permettono di pescare più comodamente.

In certi casi ,sarebbe davvero impossibile farne a meno, ovviamente è richiesta una certa esperienza e accortezza nel – non – fare il “passo piu` lungo della gamba” , per non incombere in spiacevoli incidenti.

Trovandoci invece in ambito portuale, sono da preferire le punte dei moli e dei pontili, (oltre a quelle del porto stesso ) , ma non sono da scartare le insenature , e nemmeno le zone dove c’è una repentina variazione di fondale… Molto pescose , ma non sempre possibili da utilizzare, sarebbero le banchine di attracco dei pescherecci, che , nel momento in cui questi ultimi vanno a ripulire le reti, praticamente fanno da pasturazione per attirare i pesci di ogni scala della catena alimentare.

La pesca dalla scogliera risulta molto pescosa con il mare abbastanza mosso e (a seconda del periodo dell’anno e del predatore che cerchiamo) poco redditizia con quello calmo o piatto.

Qui infatti, le grandi schiumate provocate dal mare che sbatte sugli scogli, ossigena molto le acque, attirando in questo modo i predatori come spigole e barracuda (dove presenti) , con l`unico handicap, di farsi quasi sicuramente un piccolo bagnetto fuori orario in caso di mare molto mosso.

In conclusione, io penso che ogni spinner che si rispetti, abbia la voglia di scoprire nuovi posti dove sia ancora presente la naturalezza e il fascino del selvaggio

nonchè quell`alone di mistero che avvolge gli spot mai provati, sempre alla ricerca del possibile colpaccio di cadere in una grossa cattura… e lasciare a quelli meno esperti, i soliti hot spot superaffollati del momento.

Credo che una delle massime soddisfazioni che uno spinner possa avere sia quella di pescare con degli artificiali e con attrezzatura quanto più autocostruita possibile e se poi ci uscisse anche una cattura fatta in un ambiente accuratamente ricercato, si arrivi davvero al TOP!

Grazie a tutti per la lettura, se volete segnalarci nuove introduzioni o collaborare con noi, utilizzate il modulo CONTATTI presente nella pagina, come sempre un saluto a tutti gli amici di PLANETSPIN!