Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Il trout area in pillole: parte 5, la tecnica del BOTTOM

Quest'oggi nell'ambito del trout area, andiamo a parlare della pesca sul fondo ovvero del BOTTOM.

È una tecnica che va affrontata nei momenti in cui il pesce staziona sugli strati più bassi dello specchio d'acqua ovvero nel periodo invernale.
Giornate con bruschi cali delle temperature o nel momento di frega del salmonide.

La pesca a bottom, a differenza di quello che si dice in giro, non è quella affrontata con i cosi detti BOTTONCINI (VERTICAL)

ma la si può fare sia con gli spoon che con varie tipologie di hard bait presenti sul mercato, con canne rigide e con fili con una ridotta elasticità. Ora andiamo a elencare le attrezzature.

LE CANNE
Le tipologie di canne che possiamo usare sono due.

TUBOLAR (canna con grezzo in carbonio cavo di una lunghezza dai 6' fino a 6'6 piedi con azione di punta per un'elevata sensibilità e un'ottima prontezza in ferrata, da usare per la maggiore con hard bait da fondo o metal-vibe)

SOLID-TIP(canna con vetta riportata in carbonio pieno di lunghezza dai 5'4 ai 6'3 piedi con azione fast o ex-fast per avere un'elevata sensibilità su qualsiasi esitazione del pesce sull'esca, da usare con spoon o hard bait da fondo)

IL MULINELLO
Il mulinello più adatto in questa tecnica deve avere un rapporto d recupero molto basso ovvero tra i 60/70 cm per giro di manovella e di taglia 2000/2500.

IL FILO MADRE E IL TERMINALE
La linea madre per questa tipologia di pesca deve avere un elasticità ridotta per una massima sensibilità (ESTER, TRECCIATO) e molte volte un colore sgargiante per visualizzare la distanza e la posizione di pesca, di diametro tra i 0,12/0,14mm per l'ester e pe0,2/0,3 per i trecciati, con terminali in fluorocarbon dal 0,10 a 0,16 rapportati alle dimensioni della madre.

GLI ARTIFICIALI
Come dicevamo in precedenza gli artificiali per questa tecnica possono essere di tre tipi.

SPOON: con poco movimento(wobbling), perché il pesce che staziona sul fondo molte volte non gradisce vibrazioni, ma quel pulviscolo che andiamo ad alzare sul fondo con lo strisciare dell'esca, ed è in quel momento che abbiamo l'attacco.



METAL-VIBE: sono quegli artificiali in metallo che con il recupero del mulinello o con colpi di canna verso l'alto, andiamo a far saltellare sul fondo stesso provocando vibrazioni e movimenti

HARD BAIT: sono quegli artificiali che riproducono pesci o insetti fatti in diversi materiali(legno, abs etc) con il peso tutto spostato nella parte anteriore dell'esca(bottombump) o vibe per un azione con saltelli o strisciate sul fondo.

Tutti le esche elencate possiedono due ami senza ardiglione, sono di colorazioni che partono dal naturale o pelle t(mangime d'allevamento) ad arrivate con colori sgargianti da usare a secondo delle tonalità dell'acqua e del fondo.

Rate this item
(1 Vote)
Last modified on Mercoledì, 06 Maggio 2020 09:51

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter