Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Smith Haluca 125F, conosciamo questa esca artificiale

Questo slim shallow di casa Smith a primo impatto sembra essere qualcosa di già visto nei vari shore line o tide slim, ma che nasconde delle sorprese sia nell'utilizzo

ed in particolare nel nuoto, soprattutto considerando la sua forma.

Cominciamo dal lancio: l'artificiale anche senza avere lo spostamento magnetico dei pesi interni, stupisce letteralmente per le doti balistiche che superano di gran lunga i diretti concorrenti, ma molto più simili a quelle, per esempio, dell'sl 140f.

NOTE TECNICHE
Casa produttrice: Smith ltd Japan
Modello: Haluca 125f
Dimensioni e peso: 125 mm.x 13,9 gr.
Armatura ed ancorette: non passante, owner st46 N°3
Sistema di pesi interno: mobile misto in sfere di acciaio e tungsteno

La silouetthe del minnow è diversa dai soliti slim che conosciamo bene

infatti l'Haluca è più sottile per tutta la sua lunghezza e la parte inferiore ha una sezione con una "V" più pronunciata e piatta sul fondo, anche la paletta è decisamente più piccola e posta in posizione più avanzata rispetto allo shore line, infine le tre ancorette sul corpo da 12 cm. ci fanno proprio arrivare alla conclusione che i due artificiali sono ben diversi.
 


Nel nuoto, l'Haluca ha un rolling che produce una vibrazione stretta dovuta al profilo e al sistema interno dei pesi misto acciaio tungsteno e non certo alla piccola paletta che lo fa nuotare a circa 20-30 cm. sotto il pelo dell'acqua. Il wobbing è poco pronunciato a bassa velocità, ma aumenta con il suo avanzare.
 
L' Haluca lo consiglio per predare la spigola in fondali medio bassi.
 
Successivamente al test effettuato in circa due mesi (in un periodo molto proficuo dal punto di vista delle catture), posso dirvi con sicurezza che il miglior recupero è fatto da frequenti stop&go fino a farlo riaffiorare in superficie. Inoltre jerkando abbastanza lungo a velocità normale, in svariati casi è stato attaccato da più spigole contemporaneamente.

La livrea è resistente e ha dei colori molto riflettenti in acqua, le colorazioni disponibili sono 19 (in Giappone).

La reperibilità in Italia è limitata, si consiglia  questo artificiale in particolare per gli angler che hanno problemi sui bassi fondali.
Un saluto a tutti gli amici di PLANETSPIN!

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Domenica, 17 Gennaio 2021 10:33

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter

Post Gallery

Competizioni Trout Area 2021, si ritorna in pesca!

KBI Kayak Bass Italy, a pesca di black bass dal kayak

Cacciatori dei fiumi... poi si parlò di spinning

Branzino The Challenge, nuova edizione 2021

Lasciati ispirare dall'incredibile storia di questo pescatore (VIDEO)

Castaic Jerky J Hardcore, un minnow longjerk alternativo

Matteo De Falco si racconta su PLANETSPIN

Megabass FX9, un'esca da conoscere

Canne da pesca: conosciamo la GRAPHITELEADER