Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Kayak fishing, tecnica di pagaiata con la paletta

Uno dei dubbi che più assilla chi utilizza i kayak a pagaia in pesca,è il come far ad avere un assetto ottimale per la traina con il vivo,

o comunque soffermarsi il più possibile sullo spot rimanendo reattivi, avendo le mani occupate dalla pagaia.

Mi piace considerare il kayak come un vero e proprio attrezzo da pesca al pari di canne, mulinelli ed esche e non solo il mezzo nautico con cui vado,quindi basta trovare il compromesso giusto tra lo sport del kayak e quello della pesca per avere un binomio perfetto.

In questo caso, imparando a navigare con un piccolo remo, la chiamo paletta in effetti, simile a quello che si usa nella canoa canadese, si può ovviare a questo problema,avendo una sola mano che movimenta il kayak, mentre con l'altra potremo tenere la canna o il filo, riuscendo cosi ad avere il contatto diretto e la reattività in ferrata risulterà sicuramente molto più positiva. Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche di tale attrezzo e gli accorgimenti utili al suo utilizzo.

Le dimensioni devono essere intorno ai 660/700 cmq per avere una spinta ottimale, anche i condizioni di vento o corrente, su velocità fino ai 2 nodi.

La forma ideale, proprio come la canadese deve essere a triangolo simmetrica,cosi da agevolare la remata a J che serve a mantenere la traiettoria ;n.b. il kayak deve montare il timone per semplificare l'azione in quanto,senza,lo scafo tenderà a scarrocciare dalla parte opposta alla spinta e soffre molto di più il vento traverso.

Utilizzando poi l'ecoscandaglio per trovare pesci e spot,saremo precisissimi passando proprio dove vogliamo e in caso di attacco essere già pronti in ferrata senza doversi fermare per prendere la canna o in caso che il pesce si agganci da solo non avere nemmeno il rischio di scuffiate indesiderate o incastri nei portacanne, dovuti alla trazione, con magari la perdita della preda.

Un tecnica molto semplice che unisce,come detto,il navigare in kayak e la pesca sportiva.

La si può utilizzare sia in mare con il vivo che in acque interne alla ricerca di lucci nel grandi laghi con artificiali o in fiume per pescare a siluri.
Ultima nota dove reperirla:in commercio in rete ci sono ma comunque il fai da te con un po di pratica si riesce a fare tranquillamente ,usando del polistirene fibrato e vetroresina si può creare un attrezzo validissimo, leggero e con un'ottima spinta, tenendo conto dei parametri sopracitati.

Spero di aver stuzzicato la vostra curiosità e di essere stato utile a semplificare la vita dei pagaiatori.

Ecco un link di riferimento per l'acquisto (clicca qui)

In questo video dimostrativo, spiego meglio il concetto di pagaiata con paletta, illustrato nell'articolo


Un saluto e buona pagaia a tutti gli amici di PLANETSPIN

contatti e riferimenti:

pagina FACEBOOK https://www.facebook.com/PianetaKayakasd/ https://www.facebook.com/stefano.norcia

canale YOUTUBE https://www.youtube.com/channel/UCFgryDayU_m6aRFDhQ_Nblg

Stefano Norcia

Rate this item
(0 votes)
Last modified on Lunedì, 25 Maggio 2020 19:56

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Latest Tweets

From Google
Come riconoscere una buona esca artificiale rigida, hardbait?: https://t.co/iZSRuIDlx7 tramite @YouTube
From Google
La pesca con le esche siliconiche: https://t.co/BOc9EXDojs tramite @YouTube
From Google
Re: ciao tutti https://t.co/UGP19K41qO
Follow Planetspin.it on Twitter

Post Gallery

Quattro chiacchiere con... Roberto Ripamonti!

Trota lago... al silicone

I migliori artificiali per la pesca a spinning in mare

Mommotti SF180

Culprit Soft Jerk worm, inneschi recuperi e utilizzo

Molix Brigante, il test

A spinning sul SUP... una Leccia Amia da sogno

Itinerari mare, pesca a spinning in Corsica

Pesca spinning in mare, manuale con esercizi e tutorial