Agosto 13, 2022

Pesca spinning low cost: needle Stylo II di Hunthouse

Oggi nella nostra nuova rubrica PESCA SPINNING LOW COST, parliamo di un’esca che per la sua efficacia e facilità di utilizzo, rappresenta davvero un artificiale indispensabile per le nostre battute di pesca a spinning in mare: il needle di Hunthouse, lo Stylo II.

La nuova versione del caro vecchio Stylo (di Hunthouse), ha subito migliorie in diversi aspetti, aumentando la già collaudata pescosità, pur mantenendo la stessa fascia di prezzo.

Questa esca è ovviamente una copia, sappiamo bene che i nostri amici orientali sono maestri in questo settore, e che la patria potestà di questa esca, spetta alla casa JACKFIN.

I nostri cugini con gli occhi a mandorla sono riusciti a creare un clone dalle grandi potenzialità, proponendo un’esca dal costo estremamente conveniente (spese di spedizione comprese) rispetto all’originale.

Ma ora andiamo a vedere qualche specifica tecnica di questa esca, come espresso anche dalla casa:

1. Lunghezza: 160, 180, 205 millimetri

2. Peso: 18, 24, 31 e 36 grammi

3. Azione: Galleggiante e affondante

4. Ancorette: VMC

5. Materiale: ABS

Lo Stylo II è un’esca estremamente versatile che imita una delle più comuni prede: l’aguglia.
Può essere utilizzato un recupero differente, sia veloce che lento, in modo da stimolare all’attacco sia pesci in attività che più apatici e sospettosi.
Ha una forma estremamente aerodinamica e consente lanci molto lunghi, anche in condizione di vento teso e contrario.

Il modello di lunghezza da 20.5 cm è dotato di armatura passante con filo da 1,6 millimetri in acciaio inox.

Grande attenzione alla verniciatura, con una protezione realizzata da diversi strati con una extra-forte finitura lucida.

Sono in commercio diverse misure dello Stylo II di Hunthouse, per cui troviamo lunghezze da 160mm, 180, 205 floating e 205 sinking, rispettivamente da 18, 24, 31 e 36 grammi.

Le colorazioni sono tutte molto interessanti e richiamano sia livree naturali che di fantasia, con gradazioni molto accese e ben visibili.

I predatori ideali sono soprattutto i pelagici del sottocosta come pesce serra, leccia amia e lampuga, ma possiamo provare con efficacia anche verso il barracuda e i tunnidi in genere.

E’ un’esca che si lancia davvero lontano con poco sforzo e il recupero ideale è quello a media velocità, facendolo saltellare e schizzare sull’acqua simulando un aguglia che tenta di scappare per non essere aggredita.

A volte capita che i pesci seguano l’esca senza sferrare l’attacco finale, in questo caso possiamo variare la tipologia di recupero, adottando pause, ripartenze o magari tentare il classico recupero WTD.

Il needle Stylo II di Hunthouse funziona! Grande lode a Jackfin per avere studiato il progetto iniziale e complimenti ai nostri amici orientali per permetterci di pescare con esche alla portata di tutti.
p.s. però almeno il nome potevano cambiarlo 😉

Seguite la rubrica PESCA SPINNING LOW COST su PLANETSPIN per scoprire altri artificiali economici ed efficaci.