Luglio 22, 2024

Planetspin

Pesca in mare e acqua dolce

Attrezzatura da pesca LOW COST, conviene davvero? Analizziamo PRO e CONTRO

Mettiamo sul piatto della bilancia i PRO e i CONTRO all'acquisto e utilizzo dell’attrezzatura da pesca LOW COST

La pesca è una passione che affascina e coinvolge appassionati di ogni età. Tuttavia, come in molti altri settori, può essere un hobby costoso, soprattutto se si considerano gli alti prezzi dell’attrezzatura da pesca di qualità. 

È qui che entrano in gioco gli articoli da pesca low cost, che promettono di offrire soluzioni economiche per gli amanti di questo sport.

Ma cosa bisogna veramente sapere sull’attrezzatura da pesca low cost?

Prima di pesare, ovvero prima di mettere sul piatto della bilancia i PRO e i CONTRO all’acquisto e utilizzo dell’attrezzatura da pesca LOW COST, facciamo un’analisi e delle considerazioni.

Le ditte di produzione investono in studio, ricerca e sviluppo un’importante quota economica

per realizzare prodotti sempre più performanti, in modo da permetterci di personalizzare la nostra azione di pesca e coprire le nostre esigenze personali.


Si tratta fondamentalmente di un lavoro che per l’utilizzatore finale non è facilmente valutabile, ma che per l’azienda è di fondamentale importanza. Serve a realizzare prodotti con caratteristiche innovative, magari utilizzando materiali, qualità e soluzioni tecniche all’avanguardia. Molte volte anticipando il mercato, non seguendo il trend, la moda.

In altri casi, invece, ci sono aziende che fanno un lavoro inverso. Praticamente si limitano a ispirarsi al prodotto finito, studiato e realizzato da altre case produttrici, saltando il processo di ideazione e sperimentazione. Questa fase di ricerca, oltre al costo e all’investimento elevato, può avere un tempo, una durata di mesi e mesi, che grava solo sull’azienda “pioniera”.

Un altro aspetto da considerare sono i volumi e il paese di produzione.

Sappiamo tutti che avviare una produzione di pochi pezzi, non ci fa avere un grande rientro economico sul nostro piano di ammortamento, soprattutto se abbiamo dovuto creare macchinari specifici (presse, stampi, linee di montaggio, ecc..). Per far abbassare i prezzi e recuperare l’investimento iniziale, serve per forza avere una grande produzione e magari una distribuzione su diversi paesi.

Inoltre, avviare la produzione in un paese dove abbiamo le materie prime disponibili è indispensabile per non doversi assumere costi di trasporto, iva, dazi doganali, ecc… che possono influire sul 70/80% del prezzo finale.

Ci sono anche altri fattori da considerare che influiscono sul costo finale, tra i quali l’acquisto presso l’azienda madre o tramite piattaforme di e-commerce che ci evitano di passare per la distribuzione commerciale. Lo stesso prodotto, in questo passaggio di mano (ad esempio azienda produttrice – spedizione – distributore – spedizione – negozio) può necessariamente far raddoppiare o triplicare il prezzo finale, perché ad ogni passaggio, va aggiunto il ricavo della persona sommata alle tasse e l’IVA da parte dello stato.

Vediamo da vicino i pro e i contro per l’attrezzatura LOW COST, partiamo dai PRO.

Il primo punto a favore dell’attrezzatura da pesca low cost è ovviamente il prezzo accessibile.

Per chi è appena alle prime armi o per coloro che praticano la pesca solo occasionalmente, questa tipologia di articoli può rappresentare un’opzione conveniente. Infatti, con un budget limitato, è possibile acquistare attrezzatura e accessori a costi notevolmente inferiori rispetto alle marche di alto livello. Questo permette di entrare nel mondo della pesca senza dover investire una fortuna in attrezzature costose.

I prodotti low cost possono essere ideali per gli appassionati che desiderano sperimentare e testare nuove tecniche di pesca.
Poiché si tratta di articoli economici, l’eventuale rottura o usura non comporta una grande perdita economica. Questo offre la possibilità di esplorare diverse tecniche di pesca, senza la preoccupazione di danneggiare attrezzature costose.

Per il neofita, l’attrezzatura Low Cost è una soluzione da preferire perché permette di avvicinarsi alla tecnica facendo passi di conoscenza graduale.

Potrà poi capire meglio le caratteristiche di prodotti di alta fascia, quando eventualmente si deciderà di fare il salto di qualità. Infatti, in tante occasioni, è sconsigliato partire con attrezzature troppo costose e di alta qualità perché, chi da poco si è avvicinato o si vorrebbe avvicinare ad una nuova tecnica, non riuscirebbe a comprendere e a sfruttare pienamente le sue caratteristiche qualitative.

Analizziamo ora qualche punto CONTRO.
L’attrezzatura da pesca low cost spesso presenta una qualità inferiore rispetto ai prodotti di fascia alta.

Materiali meno resistenti e lavorazioni approssimative possono influire sulla durata e sull’efficacia degli articoli.

Ad esempio, una canna da pesca economica potrebbe piegarsi o rompersi facilmente sotto il peso di un grosso pesce o durante una situazione di pesca impegnativa. I mulinelli economici potrebbero essere meno fluidi e meno precisi nelle loro prestazioni. La varietà di scelta delle attrezzature da pesca low cost potrebbe essere più limitata rispetto alle marche di qualità superiore. Potresti non trovare le specifiche caratteristiche o modelli desiderati e dover fare dei compromessi rispetto alle tue preferenze personali.

Un altro punto Contro l’attrezzatura Low Cost è che si va a incrementare e incentivare un mercato e le aziende che si limitano molto spesso a copiare, clonare prodotti.

Come descritto nella parte precedente di questo articolo, non si riconosce in modo adeguato le competenze di chi ha ideato, sperimentato e studiato il prodotto originale. Anche se ci sono leggi e brevetti che dovrebbero tutelare l’inventore, in alcuni paesi (spesso orientali) non possono essere applicati per una regolamentazione differente.

In conclusione, l’attrezzatura da pesca low cost offre un’opportunità di avvicinarsi alla pesca a un prezzo accessibile, soprattutto per principianti e pescatori occasionali.
Tuttavia, bisogna essere consapevoli dei compromessi che si possono incontrare in termini di qualità e prestazioni. Per chi è disposto ad accettare tali compromessi e ha un budget limitato, l’attrezzatura da pesca low cost può essere una scelta valida. 

Al contrario, se la pesca è una passione consolidata e si desidera una migliore durata e performance, potrebbe essere più indicato investire in attrezzature di qualità ma più costose.

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con Davide del blog “racconti di pesca”

e invito i lettori di planetspin a visitarlo perchè sono presenti tanti articoli interessanti, sia tecnici che di attualità nel mondo della pesca e soprattutto di facile e rapida lettura. 

Blogger Davide MONA
Grazie agli articoli e ai post che pubblico, ho avuto il piacere di entrare in contatto con numerosi pescatori e appassionati che mi supportano nella scrittura, condividendo le loro esperienze, scoperte, tecniche, novità e suggerimenti.

Da più di dieci anni scrivo e condivido nel mio blog le mie avventure di pesca con voi, nella speranza di ispirare e coinvolgere in questa meravigliosa attività. 

Spero che il mio entusiasmo sia contagioso e che, insieme, possiamo continuare a imparare, condividere e goderci la bellezza della pesca. https://raccontidipesca.altervista.org

Grazie a tutti per la lettura e come sempre un saluto a tutti gli amici di PLANETSPIN!

clicca qui per aggiungerti al gruppo whatsApp planetspin (link)

 

Argomenti correlati

Pesca spinning low cost: needle Stylo II di Hunthouse