Novembre 28, 2021

La Pesca & i Social: evoluzione o regresso?

Un argomento sempre attuale, ma purtroppo ancora troppo poco considerato in modo attento.

La pesca come tutte le attività sportive, ha visto il suo approdare sulle piattaforme social, come facebook, youtube, instagram, ecc.. portando con se tanti lati positivi, ma anche alcuni negativi.

Grazie al nostro amico Mario G. , andiamo ad approfondire questo argomento, in modo da avere la sua opinione in merito e magari iniziare un percorso di crescita personale.

Ognuno ha il suo proprio modo di interfacciarci con il mondo social, ma c’è bisogno di un attenzione in più,

perchè le nostre azioni, possono portare conseguenze diverse, a secondo di chi recepisce il messaggio, non volendo possiamo indurre in comportamenti sbagliati.
Ma leggiamo cosa ci scrive, analizzando PRO e CONTRO del mondo della pesca, legato ai SOCIAL.

Viviamo in un mondo dove la tecnologia ogni giorno fa passi da gigante, continue evoluzioni in tutti i settori.

Si è persa così quella voglia di entrare in un forum a fare una precisa domanda o andare a cercare la risposta a ciò che desideriamo sapere.
In poche parole le community o meglio conosciute come forum sono ormai old style lasciando spazio a qualcosa di facile utilizzo e soprattutto di uso quotidiano.

I social, uno dei più usati è Facebook un imponente mezzo di comunicazione dove la vastissima varietà di notizie e informazioni fanno il giro del mondo in breve tempo.
Attenzione, l’utilizzo dei social è un’arma a doppio taglio e adesso vi spiego il perché:
ognuno è libero di pubblicare e scrivere qualsiasi cosa voglia di conseguenza sorgono alla luce esempi pessimi, rivalità, insulti e critiche poco costruttive atte a infangare terzi per apparire e avere un po di notorietà. Insomma c’è un po di marcio come in qualsiasi altra cosa.

Per fortuna ci sono moltissimi aspetti positivi: il primo che a mio parere è quello fondamentale è l’amicizia.
Ebbene si! Tramite la passione che condividiamo sui social nascono delle sane amicizie che vengono coltivate interagendo a distanza con la speranza d’incontrarsi un giorno e perché no, magari in pesca.
C’è tantissima gente preparata che mette a disposizione le loro esperienze con molta educazione e umiltà con la speranza di riuscire a dare una mano ai neofiti o a chi riscontra qualche difficoltà.

In più ci sono svariati gruppi dove si concentrano la stragrande maggioranza delle informazioni di pesca di qualsiasi genere, dove la gente condivide le proprie esperienze e domande.
Un gruppo dove mi trovo molto bene è sicuramente italian fishing spinner, quindi tirando le somme: l’evoluzione vince sul regresso.

Secondo il mio modesto parere c’è qualcosa da migliorare: non è sempre oro tutto ciò che luccica, bisogna evitare di farsi abbindolare da individui poco professionali e con scarse conoscenze in materia.

Non avere paura di chiedere aiuto o consiglio, c’è sempre qualcuno pronto a dare una mano.

Perché la pesca è passione, amore, amicizia e rispetto. Una materia dove non si smette mai d’imparare.